Fatturato e ordinativi dell’industria

A luglio il fatturato dell’industria cresce 1,6%

A luglio il fatturato dell’industria cresce, al netto della stagionalità, dell’1,6% rispetto al mese precedente, con aumenti dello 0,3% sul mercato interno e del 4,6% su quello estero. Nella media degli ultimi tre mesi (maggio-luglio), l’indice è diminuito dello 0,6% rispetto ai tre mesi precedenti (febbraio-aprile).

Corretto per gli effetti di calendario (i giorni lavorativi sono stati 21, contro i 22 di luglio 2010) il fatturato cresce in termini tendenziali del 7,7%, con un aumento maggiore sul mercato estero (+10,7%) rispetto a quello interno (+6,4%).

Gli indici destagionalizzati del fatturato segnano aumenti congiunturali del 3,1% per i beni strumentali, dello 2,2% per i beni intermedi e dello 0,7% per i beni di consumo (all’interno di questi ultimi, i durevoli aumentano dell’1,1% e i non durevoli dello 0,6%). Una diminuzione dell’1,4% si osserva per l’energia.

Nel confronto tendenziale, il contributo più ampio alla crescita del fatturato viene dai beni intermedi, sia per la componente interna sia per quella estera. Leggi il testo integrale in pdf (258 KB).

(Fonte dati: ISTAT, Istituto nazionale di statistica)